Hor ch’è tempo di dormire (Tarquinio Merula)

From ChoralWiki
Jump to navigation Jump to search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
Icon_ly.gif LilyPond
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2020-05-06)  CPDL #58484:       
Editor: Allen Garvin (submitted 2020-05-06).   Score information: Letter, 5 pages, 165 kB   Copyright: CC BY NC
Edition notes:

General Information

Title: Hor ch’e ̀ tempo di dormire
Composer: Tarquinio Merula
Lyricist:

Number of voices: 1v   Voicing: S
Genre: SecularAria

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

First published: 1638
Description: 

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Or ch'è tempo di dormire
dormi, dormi figlio e non vagire.
Perchè, tempo ancor verrà
Che vagir bisognerà.
 Deh ben mio deh cor mio fa,
 Fa la ninna ninna na.

Chiudi, quei lumi divini,
Come fan gli altri bambini,
Perchè tosto oscuro velo
priverà di lume il cielo.
 Deh ...

Over prendi questo latte
dalle mie mamelle intatte
perchè ministro crudele
ti prepara aceto e fiele.
 Deh ...

Amor mio sia questo petto
or per te morbido letto
Pria che rendi ad alta voce
l'alma al Padre sulla croce.
 Deh ...

Posa or queste membra belle
vezzosette e tenerelle
perchè poi ferri e catene,
gli daran acerbe pene.
 Deh ...

Queste mani e questi piedi
ch'or con gusto e gaudio vedi,
Ahimè! come'in vari modi,
passeran acuti chiodi!

Questa faccia gratiosa,
rubiconda or più di rosa,
sputi e schiaffi sporcheranno
con tormento e grand'affanno.

Ah con quanto tuo dolore,
sola speme del mio core,
questo capo e questi crini
passeran acuti spini.

Ah ch'in questo divin petto,
amor mio dolce diletto,
vi farà piaga mortale
empia lancia e disleale.

Dormi dunque figliol mio,
Dormi, dormi, pur redentor mio,
perchè poi con lieto viso,
ci vedrem in Paradiso.

Or che dorme la mia vita,
del mio cor gioia compita,
taccia ognun con puro zelo,
taccian sin la terra e'l Cielo.

E fra tanto io che farò?
Il mio ben contemplerò
ne starò col capo chino
sin che dorme il mio Bambino.