Poi che riseppe Orfeo (Alessandro Scarlatti)

From ChoralWiki
Jump to navigation Jump to search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
MusicXML.png MusicXML
File details.gif File details
Question.gif Help
Editor: Doron Schleifer (submitted 2022-06-13).   Score information: A4, 8 pages, 261 kB   Copyright: CPDL
Edition notes:

General Information

Title: Poi che riseppe Orfeo
Composer: Alessandro Scarlatti
Lyricist:
Number of voices: 1v   Voicing: Soprano solo
Genre: SecularCantata

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

First published:
Description: The original manuscript: London, British Library Add MS 31511, fol. 56–63v, Available here: https://imslp.org/wiki/Poi_che_riseppe_Orfeo_(Scarlatti,_Alessandro)

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Poi che riseppe Orfeo
che la sua vaga e bella Euridice
tocca dal fiero dente d'aspide velenoso
estinta al suol cadea
sbigottito e dolente
rivolti i lumi all'etra
spiegò tai carmi al suon della sua cetra.

Crude stelle ò m'uccidete
ò pietose mi rendete la mia cara Euridice.
Dite voi superni numi
se con questi mesti lumi
di mirarla Orfeo più lice.

Ah, che son sordi i dei
né ascoltano le stelle
i pianti miei ah ch'invan mi lamento
s'altri ch'il rio non ode
e le fiere selvagge e i sassi e'l vento.

Pianga il rio al pianto mio
piangan meco in queste selve
le più crude irate belve,
lacrimate mesti e lassi duri sassi,
e tu pur pietoso vento
accompagna il mio lamento,
e dite: "Orfeo infelice,
è morta la tua cara, cara Euridice".

È morta la mia cara Euridice,
e quanto giusto per sua morte il pianto,
è inutil altrettanto.
Andrò nel basso Averno
l’involerò di grembo a Pluto istesso,
che forse tanto fia a questa cetra mia dal Ciel permesso.

E se fia che mercé di questa cetra
torni Euridice all’ etra,
sarà il mio canto vezzoso tanto,
che torneranno al primo lor contento
le fiere, i sassi,
il ruscelletto, e’l vento.